CONCILIAZIONI E RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

Dal 1 gennaio 2017 tutti i clienti finali di energia elettrica e gas, domestici e non, inclusi i prosumer, dovranno rivolgersi al Servizio di Conciliazione per le eventuali controversie non risolte a livello di reclamo con il proprio operatore.

Il Servizio di Conciliazione è stato istituito dall’Autorità per mettere a disposizione dei clienti finali di energia elettrica e gas una procedura semplice e veloce di risoluzione di eventuali controversie, mediante l’intervento di un conciliatore appositamente formato in mediazione ed energia che aiuta le parti a trovare un accordo.
Il tentativo di conciliazione è pertanto una tappa obbligatoria per il cliente per poi eventualmente procedere all’azione giudiziale.

La procedura potrà essere attivata dal cliente entro 1 anno dall’invio del reclamo, qualora la risposta dell’operatore risulti parziale o insufficiente.
Nel caso in cui il cliente non riceva risposta al proprio reclamo, la procedura di conciliazione potrà essere attivata dopo 50 giorni dall’invio.
Il Servizio di Conciliazione gestito dall’Acquirente Unico per conto dell’Autorità, è gratuito e si svolge on line.
In alternativa al Servizio di Conciliazione gestito dall’Acquirente, è possibile svolgere il tentativo obbligatorio di conciliazione presso gli organismi iscritti nell’elenco ADR (Alternative Dispute Resolution) dell’Autorità.

Per qualsiasi ulteriore delucidazione i termini ed il funzionamento della procedura sono consultabili sul sito dell’Autorità (ARERA)